Insulti omofobi a candidata gay a Miss Italia, solidarietà di Sandro Mangano (FI)

0
248

Insulti omofobi contro Giulia Talia, la concorrente romana di Miss Italia 24 anni, gia’ Miss cinema Roma 2020, che ha reso pubblica la sua omosessualità.

A denunciarlo è Sandro Mangano, coordinatore del Dipartimento delle libertà civili di Forza Italia: “Gli insulti di odio verso le persone che dichiarano la propria sessualità sono tali da far venire la pelle d’oca”, sottolinea. “Offese pubbliche scritte sui social che scuotono la sensibilità di chi accetta come ‘normalità” la ‘diversità”, e di chi crede che sia
necessario un cambio di passo e di mentalita’ sociale. Il problema sta alla base –
prosegue Mangano – se si racconta la narrazione di una donna che è mamma,
lavoratrice o casalinga, sposata con figli, tutto rientra nella normalita’. Se, invece, si
parla non tanto del concetto della sessualita’ ma delle peculiarita’ di una donna, che
nasce come testimonianza, c’è subito un accanimento mediatico; come se
l’omosessualità fosse qualcosa da sbandierare e non un concetto naturale”. “Piena
solidarietà a Giulia Talia. Bene ha fatto il coordinatore regionale siciliano del
dipartimento Libertà civili di FI, Sandro Mangano, a denunciare tali offese pubbliche
sui social”, gli fa eco la senatrice di Forza Italia e componente della commissione
parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, nonché’ su ogni forma di violenza di
genere, Urania Papatheu.

Urania Papatheu

“Gli insulti omofobi che le sono stati indirizzati sono
semplicemente vergognosi”, aggiunge la parlamentare azzurra. “Che le differenze
culturali, di sesso, di religione e razza non siano un alibi per accrescere le
discriminazioni in questo Paese che è gia’ fortemente penalizzato dalle
disuguaglianze economiche e sociali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui