CarlottaXArchitettura diventa internazionale: in gara anche opere realizzate all’estero

0
138

Il prossimo 17 marzo 2022, a Catania, la cerimonia per premiare le 4 categorie in gara

CATANIA – “Eccellenze” nel settore dell’architettura, del restauro e del design: a distanza di un anno torna il premio CarlottaXArchitettura, che nella sua seconda edizione varca i confini nazionali, aprendo le  porte anche alle opere realizzate da professionisti italiani nel mondo. Quest’anno il concorso – organizzato da Ordine e Fondazione Architetti PPC e dal Comune di Catania – ha avuto il privilegio del patrocinio del Consiglio Nazionale (CNAPPC) – che ha messo a disposizione la piattaforma per il concorso – dell’Ordine di Bologna, del Quotidiano “La Sicilia” e dell’AIL Catania (Associazione Italiana contro Leucemia, Linfomi e Mielomi).

«Il premio CarlottaxArchitettura – sottolinea il presidente del CNAPPC Francesco Miceli – accresce in senso qualitativo il panorama delle manifestazioni e dei premi che si svolgono nel nostro Paese e che hanno come scopo la promozione della qualità del progetto e il valore dell’Architettura. Ma l’istituzione di questo premio, voluto dall’Ordine di Catania e dall’amico Alessandro Amaro, in ricordo di Carlotta, ha un ulteriore valore: è un premio in nome dell’impegno di una straordinaria donna, architetto, che ha saputo con le sue idee e la sua vivacità, nella vita e nella sua attività all’interno dell’Ordine, suscitare importanti azioni positive promuovendo il ruolo e la figura dell’Architetto nella società. L’impegno di Carlotta non solo va ricordato, ma occorre diffonderlo perché ci rende tutti più consapevoli ed adeguati a svolgere un ruolo attivo di presenza nella crescita culturale della società. Intitolare un premio di Architettura a una donna è un importante atto di consapevolezza e di questo non possiamo che essere fieri come comunità degli Architetti italiani».

«Spazio all’architettura dal grande valore sociale e strumento fondamentale per la trasformazione urbanistica del territorio, in un’iniziativa internazionale che parte proprio da Catania e che racchiude la nuova progettualità contemporanea attraverso un approccio etico e innovativo», sottolinea il sindaco del capoluogo etneo Salvo Pogliese. «Una manifestazione finalizzata a valorizzare tutte le declinazioni dell’architettura, puntando sulla qualità del progetto e dando visibilità a tutti quei professionisti che hanno saputo cogliere al meglio le sfide attuali», commenta il presidente dell’Ordine degli Architetti PPC di Catania Sebastian Carlo Greco.

«Diamo seguito a un’iniziativa volta a ricordare l’architetto Carlotta Reitano, scomparsa prematuramente a settembre del 2020, proseguendo il percorso avviato durante i suoi anni di presidenza in Fondazione (dal 2009 al 2013): la promozione dell’architettura e dei giovani professionisti», dichiara la presidente della Fondazione della categoria etnea Eleonora Bonanno. Grazie al Premio – voluto fortemente dal marito e past president degli Architetti etnei Alessandro Amaro – rimane così viva la memoria di Carlotta, il suo coraggio, l’entusiasmo e la determinazione di una donna che ha voluto fortemente l’avvio della stagione dei workshop, la contaminazione tra il mondo accademico, le professioni, l’imprenditoria e la politica. «Riqualificazione, rigenerazione, sviluppo sostenibile, convivenza, sicurezza: questi i temi al centro della vision di Carlotta, che rappresentano ancora oggi le nostre sfide e soprattutto quelle delle nuove generazioni», aggiunge l’assessore alla Cultura Barbara Mirabella.

Il concorso è aperto ai singoli professionisti o agli studi di architettura che potranno presentare una sola opera per categoria: Architettura, Restauro o Recupero, Interni e/o Design. Novità di quest’anno, inoltre, è la sezione “Under 35” che vede protagonisti i progetti delle nuove generazioni. A partire dal prossimo 16 febbraio – termine ultimo per le candidature – inizieranno le valutazioni da parte della giuria, quest’anno ancora più internazionale: a presiedere la commissione, infatti, l’architetto giapponese Junko Kirimoto (studio Alvisi Kirimoto). Gli altri componenti sono: Alessandra Ferrari (consigliere CNAPPC), Sebastian Carlo Greco (presidente OAPPC Catania), Eleonora Bonanno (presidente Fondazione OAPPC Catania), Luigi Longhitano (past president OAPPC Catania), Maurizio Spina (docente Unict – DICAR).

La premiazione si terrà il prossimo 17 marzo al Palazzo della Cultura di Catania – viale Vittorio Emanuele – dove verrà allestita una mostra delle opere partecipanti.

Per info https://www.concorsiawn.it/carlottaxarchitettura-2021/home

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui