San Pietro Clarenza: buca pericolosa in Via Siracusa, manto stradale da rifare

0
615

Incompetenza da parte della ditta ed incapacità del dirrettore dei lavori che avrebbe dovuto supervisionare il cantiere.

Dopo poco più di due mesi dalla consegna dei lavori in Via Siracusa a San Pietro Clarenza bisogna immediatamente correre al riparo del manto stradale che ad oggi presenta una grossa e pericolosa buca sul tratto iniziale della strada.

La riqualificazione della della via ha acceso un dibattito all’interno della comunità, i clarentini hanno lamentato numerosi disagi dato che, Via Siracusa, rappresenta un’arteria principale per raggiungere la città metropolitana e l’autostrada. Sin dai primi di ottobre il traffico è stato bloccato a causa del ritardo della consegna dei lavori da parte della ditta che dopo venti giorni aveva addirittura abbandonato il cantiere (rileggi l’articolo cliccando quì). La riqualificazione sarebbe dovuta avvenire intorno ai primi di novembre, dopo l’ennesimo ritardo, la viabilità in Via Siracusa è stata ripristinata il 20 novembre.

A tal proposito si sono pronunciati i componenti del gruppo consiliare di minoranza “Per San Pietro Clarenza”, il coordinatore del gruppo, Gaetano Angemi, dichiara: << Si tratta di un doppio errore. La scarificazione dell’asfaltato non è stata compiuta correttamente; su una strada umida è risaputo che, in inverno, l’umidità può trasformarsi in ghiaccio, rigettando così l’asfalto. In secondo luogo si è venuto a creare un cuscinetto di vuoto che ha impedito all’asfalto di attecchire. La ditta che ha realizzato i lavori non ha messo il bitume. Questo ha causato che, lungo il tratto di strada soggetto a maggior pressione da parte dei veicoli che circolano prima di giungere allo spartitraffico, l’asfalto trasla non avendo adesione bisumosa scivolando – verso sopra –  in direzione della frenata dei pneumatici su strada. Alcuni tratti non sono stati schiarificati, sono lisci così com’erano prima dei lavori. Lo sbaglio è stato causato sia dall’icompetenza della ditta che dall’incapacità del direttore ai lavori che avrebbe dovuto supervisionare il cantiere. Se non si interviene prontamente salterà via tutto l’asflato, specie non appena arriveranno le piogge copiose ed il ghiaccio con l’abbassarsi delle temperature. Non bisogna quindi intervenire solo sulla “buca” che si è creata ma su tutta la strada in questione >>.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui