Per l’Acireale è solo pari contro il Licata

0
250

L’Acireale non sa più vincere e fallisce l’aggancio al secondo posto occupato dalla Cavese.

di Stefano Grasso

Partita frizzante, errori grossolani e bei gesti tecnici. Si può sintetizzare così la partita giocata a porte chiuse dall’Acireale in casa, ma sul neutro di Enna per squalifica di campo, contro il Licata. Per tutta la partita la squadra ospitante si è lasciata preferire sul piano del palleggio ma il Licata è stato sicuramente molto più pericoloso negli spazi lasciati dalla difesa granata, oggi obiettivamente rivedibile. Sugli scudi per la squadra gialloblù la coppia d’attacco Talla Souare, proprio ex granata, e il centravanti ex Troina Gueye che, con la velocità, vero tallone d’achille della retroguardia granata, hanno imbarazzato Figliomeni e i compagni di reparto. Prova negativa anche per Lodi che, con ogni probabilità, sta pagando più di altri il numero di partite ravvicinate.

Primo tempo

Al 17’ un’azione insistita di Aprile, in fase di transizione positiva, crea il primo reale pericolo della partita ma il suo destro finisce alto. Al 23’ la squadra gialloblù passa in vantaggio. Aprile, uno dei migliori in campo oggi e anch’egli ex di turno, serve in contropiede Talla che, dopo aver saltato il suo diretto avversario, serve l’indisturbato Gueye e per lui metterla dentro è un gioco da ragazzi. Al 27’ Figliomeni pareggia la contesa con un elegante destro che finalizza un assist preciso del fantasista Russo. Al 33’ Talla riporta ancora avanti il Licata con una sassata dal limite dell’area che spiazza l’incolpevole portiere granata. Al 40’ splendido sinistro a giro di Tumminelli che con il piede debole dal limite dell’area porta di nuovo sul punteggio di parità la gara.

Secondo tempo

Al 58’ ennesima dormita della difesa granata e Talla, dopo aver raccolto un lancio in profondità, batte a rete; Licata ancora in vantaggio. Al 67’ è di nuovo pari con il capitano della squadra di casa che, dopo una mischia in area, con rabbia mette la palla alla destra di Truppo. Al 76’ la squadra ospite si rende pericolosissimo, ancora in contropiede, ma Candiano è sfortunato e, dal limite dell’area di rigore, becca il palo interno. Al 79’ Lodi da calcio piazzato trova Russo nell’area piccola ma spara addosso al portiere. All’86’ Tounkara di testa costringe al volo plastico Truppo che, con un miracolo, salva il risultato. Un minuto più tardi ci prova Lodi dal limite dal limite dell’area ma il tentativo è velleitario. C’è tempo solo per l’espulsione di Viglianisi al 50’ per un brutto fallo su Brunetti.

L’analisi del tecnico

Il tecnico dell’Acireale De Sanzo, così a fine partita: “Stiamo giocando troppe partite ravvicinate e questo si fa sentire. Il problema più grande è che stiamo perdendo pezzi con Cristiani, infortunato la settimana scorsa, e Viglianisi, oggi espulso. Non riesco neanche a farli ruotare. Il recupero del triplo vantaggio, comunque, fa capire come questi ragazzi abbiano effettivamente grande carattere.”

 

IL TABELLINO

Acireale-Licata 3-3:  26′ Figliomeni, 40′ Tumminelli, 67′ Savanarola- 23′ Gueye, 32′, 57′ Suoare

 

ACIREALE (3-5-2): D’Alterio; De Pace, Figliomeni (67′ Cannino (83′ Mollica)), Cadili (60′ Viglianisi); Tumminelli, Savanarola, Lodi, Correnti, Cottone (45′ Le Mura); Russo, Ricciardo (81′ Tounkara). A disp.: Ruggiero, Brumat, Finocchiaro, Joao Pedro. All. De Sanzo.

LICATA (3-5-2): Truppo; Calaiò, Brunetti, Orlando; Mazzamuto, Currò (75′ Pedalino), Candiano, Aprile, Lanza (52′ Saito (81′ Rubino)); Gueye, Souarè (80′ Cappello). A disp.: Clemente, Bertella, Caccetta, Minacori. All. Romano.

ARBITRO: Bozzetto di Bergamo.

MARCATORI: 23′ Gueye, 27′ Figliomeni, 33′, 58′ Suoare, 40′ Tumminelli, 67′ Savanarola

NOTE: ammoniti: Cottone, Brunetti, Talla, Lanza, Cadili, Savanarola

espulsi: 94′ Viglianisi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui