Assemblea di Europa Verde a Catania: nominati i portavoce

0
223

Nella sala conferenze dell’Hotel Baia Verde di Aci Castello, l’assemblea provinciale di Europa Verde,  ha visto la partecipazione di iscritti provenienti da tutta la provincia di Catania, e la presenza dei rappresentanti di Sinistra Italiana, Movimento 5 Stelle e Articolo 1.

L’assemblea riveste un grande rilievo perché segna l’avvio dell’organizzazione di “Europa Verde” sul territorio provinciale, in un momento delicatissimo della storia siciliana e catanese, a ridosso di alcuni appuntamenti elettorali che riteniamo “crocevia fondamentale” per la nostra terra.

Molti interventi hanno messo l’accento proprio sull’esigenza di una svolta nelle politiche locali, a partire da Catania, segnata dalla sostanziale assenza di un’amministrazione e dalla totale mancanza di programmazione sia nella gestione dei servizi che negli investimenti infrastrutturali. La politica energetica, il piano dei rifiuti, la gestione delle aree protette, la valorizzazione dell’agricoltura e del turismo, sono stati alcuni dei temi sollevati su cui Europa Verde evidenzia il fallimento della giunta Musumeci e la necessità di un cambiamento radicale di rotta.

Sono intervenuti anche, in collegamento, la co-portavoce nazionale Eleonora Evi, la co-portavoce regionale Antonella Ingianni e la co-portavoce nazionale di Giovani Europeisti Verdi, Francesca Cucchiara. Uno spazio rilevante è stato occupato dalla testimonianza di Toti Grasso e Francesca Nicolosi, rappresentati dei giovani europeisti in Sicilia.

Durante i lavori, l’assemblea ha nominato portavoce provinciali Maria Palazzolo e Alessandro Cento, mentre nell’esecutivo provinciale sono stati nominati: Piero Calderaro, Antonino Ciuro, Calogero Giancona, Franco Nicolosi e Francesca Russo.

“Europa Verde si sta strutturando rapidamente in tutto il territorio regionale – afferma il co-portavoce regionale Mauro Mangano – sulla scia dell’entusiasmo di tanti attivisti, soprattutto giovani. Portiamo la consapevolezza che i temi della salvaguardia dell’ambiente, della giustizia sociale, dei diritti civili, devono essere affrontati insieme e con urgenza, diventare i cardini di ogni proposta di governo, e perciò siamo già al lavoro per essere presenti con le donne e gli uomini che condividono questi principi alle prossime tornate elettorali, a partire dalle Regionali e dalle elezioni comunali di Catania.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui