Acireale, 4 gol al Lamezia e finale play-off conquistata

0
596

Partita frizzante al comunale di Aci S.Antonio tra due squadre che tra errori e gesti tecnici hanno sicuramente regalato spettacolo al pubblico presente, comunque in buon numero nonostante la risaputa limitata utilità dei playoff in serie D e lo scomodo infrasettimanale.

Di Stefano Grasso

L’Acireale è schierato in campo con il solito 3-5-2 dove Lodi, schierato in regia, è stato sicuramente l’uomo partita. Il Lamezia, che può contare su parecchie individualità, è venuto a giocarsi la partita puntando sulla velocità dei suoi, specialmente su quella di Bollino, croce e delizia per la squadra ospite. L’Acireale, con l’attacco leggero costituito da Savanarola e Russo, si è sempre lasciato preferire nella manovra. Il Lamezia, dal canto suo, è stato abile a chiudere le vie centrali concedendo maggiormente sugli esterni, così da mettere in difficoltà i granata nella fase di realizzazione.

E’ comunque l’Acireale a partire forte. Al 2’ primo illuminante passaggio in profondità di Lodi per Savanarola che, in area di rigore, mette in mezzo ma la palla è facile preda del portiere. Al 4’ Le Mura, appena fuori dall’area di rigore, raccoglie una sponda di Russo e prova un tiro debole senza troppe ambizioni. Al 6’ è Russo che di testa prova a deviare in rete un cross di Savanarola ma mette poca potenza. Sul ribaltamento di fronte il Lamezia passa in vantaggio con Haberkon lesto a correggere in rete un assist di Maimone. Al 12’ buona trama di gioco costruita dall’Acireale che si conclude con un sinistro altissimo di Lodi Al 37’ Bollino, il più pericoloso degli ospiti, impegna su punizione D’Alterio, la palla è lenta ma angolata, il portiere granata non si fa trovare sorprendere. Al 45+1’ Il ancora Haberkon protegge bene la palla in area di rigore e, voltandosi, prova il sinistro a giro. La palla finisce alta di poco.

Al 47’ Bollino di testa dall’area piccola colpisce di testa, D’Alterio con un volo plastico la manda in angolo. Trascorre appena un minuto e Bezzon con un rasoterra di sinistro dal limite dell’area porta al doppio vantaggio la squadra ospite. Al 49’ Garetto semina il panico tra le fila della difesa ospite, si incunea in area e viene fermato fallosamente. L’arbitro vede tutto e decreta il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Lodi che tira a incrociare, spiazza il portiere e riapre la partita. Al 52’ Lodi su calcio piazzato sfiora il pari con la palla che fa la barba al palo. Sono solo le prove generale e infatti al 56’, ancora Lodi, sempre su calcio di punizione, sorprende il portiere ospite con un velenosissimo tiro-cross che si infila appena sotto la traversa. E’ 2-2. Al 59’ Garetto completa la rimonta e ribalta il risultato correggendo in rete un angolo battuto dall’eterno Ciccio Lodi. Al 77’ Russo, dopo aver raccolto un pallone dal limite dell’area di rigore, tenta il tiro ma il portiere fa gli straordinari e manda la palla in angolo. Al 34’ Maimone a tu per tu con D’Alterio manda la palla clamorosamente a lato. All’ 80’ Correnti, dopo essersi lavorato splendidamente la palla sull’out di destra, entra in area e tenta il sinistro a giro ma la palla finisce alta di poco. All’87 ci prova Bollino con il destro ma il tiro è debole e centrale. Al 89’ occasione clamorosa per il Lamezia sulla testa di Bollino che non riesce ad angolare e D’Alterio riesce a salvare il risultato. C’è il tempo per il quarto dell’Acireale. Al 93’ Correnti su contropiede, dopo 40 metri di campo palla al piede, chiude l’incontro fissando il punteggio sul 4-2. Da segnalare come a fine partita vi sia stata una piccola rissa in campo scatenata dall’ospite Bollino.

IL TABELLINO:
ACIREALE (3-5-2): D’Alterio; Brumat, De Pace (46′ Mollica), Cadili; Tumminelli, Le Mura (86′ Esposito), Lodi, Garetto (76′ Cristiani), Correnti; Savanarola (95′ Joao Pedro), Russo (80′ Ricciardo). A disp.: Ruggiero,Figliomeni, Lo Monaco, Viglianisi. All. De Sanzo.
LAMEZIA (4-3-3): Gentile; Magnavita (66′ Miliziano), Miceli, Amenta (61′ Provazza), Sabatino; Bezzon (61′ De Marco), Corapi (66′ Salandria), Maimone; Bollino, Haberkon, Terranova (80′ Rusescu). A disp.: Lai, Tringali, Tipaldi, Da Dalt. All. Campilongo.
ARBITRO: Migliorini di Verona (De Luca-Roncari).
MARCATORI: 7′ Haberkon, 48’ Bezzon, 50′ (R) Lodi, 56′ Lodi, 59′ Garetto, 92′ Correnti
NOTE: ammoniti: Haberkon, De Pace, Garetto, Bezzon, Brumat, Tumminelli, Mollica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui