Ecco la “Nicosiana”, 5 giorni di teatro e musica

0
271

Cinque giorni di teatro, musica e performance artistiche per la prima edizione di “Nicosiana”, in programma da mercoledì 1 a domenica 5 giugno nella splendida cornice di Nicosia.

Protagonista della manifestazione sarà l’arte e la sua contaminazione tra tradizione e futuro, in una location d’eccezione e con ospiti di spicco. Un evento anche di solidarietà: il ricavato sarà devoluto all’AISLA.

L’arte al servizio della ricerca. È il marchio di “Nicosiana”, il senso assoluto della prima edizione dell’evento che si svolgerà la prossima settimana, da mercoledì 1 a domenica 5 giugno, a Nicosia, nel cuore della provincia di Enna.
Una rassegna culturale nuova di zecca, che supporterà la ricerca contro la SLA: un progetto solidale, difatti, con l’intero ricavato che sarà devoluto all’AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica. La manifestazione, inoltre, è stata organizzata in memoria della dott.ssa Maria Maira, scomparsa lo scorso maggio proprio a causa della SLA, unendo così insieme cultura e solidarietà su un unico palcoscenico.

L’evento prende forma grazie alla ferma volontà dell’associazione culturale “Divina Mania”, un collettivo di giovani artisti e produttori, migrati lontano proprio dal profondo sud d’Italia, che hanno deciso di mettere a disposizione le proprie conoscenze e relazioni, create nel corso di anni di studio e lavoro in contesti internazionali, al servizio del territorio del mezzogiorno. Dopo numerosi progetti culturali, cinematografici e teatrali sviluppati fuori dalla Sicilia, è nata Nicosiana, il primo evento organizzato da Divina Mania nel territorio siciliano: il matrimonio tra l’associazione e la Sicilia si è consacrato attraverso l’incontro con Debora Leonardi, giovane e stimata produttrice siciliana, oggi neo presidentessa di Divina Mania.

“Nicosiana nasce con l’intento di mettere in connessione arte e territorio – ha sottolineato il direttore organizzativo della manifestazione, Debora Leonardi – con lo scopo di supportare in questa prima edizione la ricerca contro la SLA. Abbiamo deciso di devolvere il ricavato alla Onlus AISLA perché circa un’anno fa ho vissuto in prima persona la scomparsa di una figura per me importante come Maria Maira, un modo per ricordarla e per far sì che un giorno, si spera, questa malattia non sia più un nemico invincibile.”

page1image46216704

“Il mio lavoro – ha aggiunto la stessa Leonardi – mi ha portato a vivere lontano da Nicosia, ma credo fortemente che sia mio dovere supportare il mio amato paese con eventi del genere, che diano lustro e visibilità al nostro splendido territorio.”
La direzione artistica della prima edizione di Nicosiana è affidata all’estro e all’esperienza di Mauro Lamanna. L’evento può contare sul supporto importante del Comune di Nicosia, sul patrocinio della Regione Sicilia e dell’A.S.P. di Enna e sul sostegno dell’Azienda Speciale Silvio Pastorale, dell’azienda agricola Wild Sperone, oltre alla AISLA.

Proprio il Comune di Nicosia ha giocato un ruolo fondamentale affinché l’evento potesse realizzarsi concretamente, affidando il ruolo di assoluti protagonisti per tutti i cinque giorni all’arte e allo spettacolo. La soddisfazione e l’orgoglio nicosiano nelle parole del sindaco, Luigi Bonelli: “Un’iniziativa lodevole, meritoria e straordinaria che supporto con grande entusiasmo, non solo in qualità di sindaco ma anche come neurologo. E c’è di più, l’amministrazione comunale sta chiedendo insistentemente all’associazione Divina Mania di rendere programmatico questo appuntamento annualmente, nell’intento di supportare la ricerca delle malattie rare. Attraverso ciò – ha chiosato il primo cittadino – potremo così promuovere la cultura e l’informazione sanitaria e porre, al tempo stesso, Nicosia come città sensibile ai temi della salute. Ringrazio, inoltre, Debora Leonardi e l’associazione che rappresenta per il grande sforzo che sta mettendo in pratica pur di raggiungere un così alto e ambizioso obiettivo.”

Altrettanto importante per l’organizzazione di Nicosiana è il connubio e la collaborazione creati negli ultimi tempi con l’AISLA, che ha sposato l’evento su tutta la linea. Fondata nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, in sinergia con gli organismi nazionali e internazionali e con le istituzioni sanitarie, AISLA è stata riconosciuta nel 1999 dal Ministero della Sanità. L’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica sarà presente sabato 4 giugno a Nicosia in occasione della tavola rotonda dal titolo “Vivere la SLA – nuove diagnosi e nuove terapie”. “La speranza avvolge tutto – ha specificato Michele La Pusata, vicepresidente AISLA – unitamente al confronto e dialogo, da sempre capisaldi di AISLA, partendo sì dalla realtà dei fatti, lodando ciò che di buono è stato fatto, ma senza limitarci alla celebrazione, bensì a programmare in modo certo il futuro.”

GLI OSPITI DI NICOSIANA
Tra spettacoli, workshop e arte urbana, un denso cartellone di musica, teatro, cinema e performance artistiche che animerà i primi richiami d’estate nello splendido scenario della cittadina ennese. Un’iniziativa che proietta Nicosia nel clou del panorama culturale siciliano, in un territorio che vuole fortemente vestirsi di cultura tra tradizione e futuro.
In questa prima edizione si esibiranno ospiti affermati e di elevata propensione artistica, tra i quali Gianmarco Saurino, attore noto nel panorama cinematografico e televisivo italiano. Saranno presenti anche Antonio Monsellato, Federica Zacchia, Daniele Greco e lo stesso Mauro Lamanna. Sono previsti, inoltre, numerosi eventi collaterali di valorizzazione territoriale, che si alterneranno per tutta la durata della rassegna.

LA LOCANDINA DELL’EVENTO
La locandina dell’evento nasce da un’idea ben precisa, ovvero si ispira agli elementi tipici del territorio: i colori, il bianco e il rosso, richiamano lo stemma di Nicosia; il tema floreale

riconduce, invece, alla fervida tradizione dell’infiorata. Spazio anche alla mandorla, presente in tante ricette culinarie del territorio, insieme al nocattolo, dolce tipico nicosiano. L’idea grafica si ispira alla grande tradizione dei pattern delle ceramiche siciliane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui