I Marinai d’Italia celebrano la Festa della Marina Militare

0
276

Presso il Monumento ai Caduti del Mare, il Gruppo di Catania “Ammiraglio Antonino Toscano” dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, ha ricordato un’impresa compiuta 104 anni.

di Pierpaolo Lucifora

La più brillante ed audace operazione navale della prima Guerra Mondiale, l’Azione di Premuda. I MAS numeri 15 e 21 (C.C. Rizzo, G.M. Aonzo) affondano la corazzata Santo Stefano.

La cerimonia ha avuto inizio con la lettura dell’azione di Premuda e con il messaggio del presidente dell’Associazione Nazionale Marinai, l’Ammiraglio di Squadra (r) Pierluigi Rosati. A seguire la deposizione floreale davanti al Monumento, da parte del vice presidente Giuseppe Muselli, quindi è stata eseguita l’Alzabandiera. Breve allocuzione del presidente del Gruppo di Catania, cav. Michele Russo, del comandante avv. Mario Dolci, già consigliere nazionale, e del Presidente dell’ANVG federazione di Catania, Marco Dolci. A seguire sono stati consegnati gli attestati:
– Compiacimento per i 40 anni di iscrizione al socio cav. Gaetano D’Antoni;
– Compiacimento per 30 anni di iscrizione al Socio Orazio Asero;
– Benemerenza per 20 anni di iscrizione ai soci Michele Giuffrida e Luigi Pozzillo.

La cerimonia si è chiusa con la Preghiera del Marinaio, letta dal socio Daniele Lo Porto. Alla celebrazione hanno partecipato il presidente del Gruppo ANMI di Acireale, Luigino Matteu, il presidente Emerito dello stesso Gruppo, Giovanni Patanè,  le rappresentanze della Federazione Provinciale dell’ANCR (Ass. Naz. Combattenti e Reduci), della Federazione Provinciale dell’ANVG (Ass. Naz. Volontari di Guerra), della Federazione Provinciale della FNAI (Fed. Naz. Arditi d’Italia) e il cav. Pietro ROSSI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui