Catania città sommersa dai rifiuti: arriva l’esposto di Lipera

0
660
Giuseppe Lipera, avvocato

Sulla mala gestione dei rifiuti interviene l’avvocato Giuseppe Lipera, presentando un esposto in Procura per accertare responsabilità ed eventuali doli.

Catania è stata trasformata in un autentica discarica a cielo aperto. Questo è un dato oggettivo che non può essere in alcun modo smentito. Tantomeno non si possono accampare scuse, come quelle fantasiose della dirigente della NU del comune Lara Riguccio, la quale in I Commissione giorni fa ha riferito che i rifiuti a Catania non vengono tolti per scopi educativi verso la cittadinanza, a suo dire indisciplinata.

Ma al di là delle balle e delle frasi totalmente fuori luogo della dottoressa Riguccio che sembra non rendersi conto di quanto siamo vicini ad una emergenza sanitaria, così come ha detto 2 settimane fa il sindaco facenti funzioni Roberto Bonaccorsi, qualcosa si deve fare e alla svelta e soprattutto non mettendo le mani in tasca ai contribuenti, già sotto pressione da una crisi economica che dal secondo dopoguerra è senza precedenti.

Questo è il contesto in cui Catania vive al momento la gestione dei rifiuti. Sotto scacco da parte delle discariche, una su tutte quella di Lentini. Qui si inserisce l’avvocato Giuseppe Lipera, che presenta un’esposto in Procura chiedendo all’Autorità Giudiziaria di accertare “se ci sono elementi di reato ed eventuali responsabili”.

L’avvocato evidenzia che “le autorità preposte non solo non intervengono per eliminare questo disastro che sta accadendo ma non osano neppure spiegare ai catanesi né le cause che lo hanno determinato né come intendono risolverlo nel più breve tempo possibile”.

“Ritengo – conclude Lipera – che se le autorità locali rimangono inerti, nonostante le segnalazioni dei cittadini e le denunce della stampa, debbano intervenire le gerarchie superiori ragion per cui la presente viene inviata al Prefetto di Catania che rappresenta il Governo Nazionale nonché al Presidente della Regione che governa la Sicilia ed al Ministro della Salute”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui