Rapina aggravava, arrestato pregiudicato di Misterbinaco

0
158

Si chiama Michele Ignaccolo, 38enne pregiudicato di Misterbianco, l’uomo arrestato con l’accusa di di “rapina aggravata”, “lesioni personali” e “resistenza a pubblico ufficiale”.

Per un pacchetto di Malboro rischia guai seri con la Giustizia. A Trecastagni in un chiosco prende in ostaggio un cliente e con la minaccia di un coltello costringe i dipendenti a farsi dare un pacchetto di sigarette. Poi scappa a bordo di una Y10 rubata. Ignazio Ignaccolo, 38enne pregiudicato di Misterbianco in fuga danneggia parecchie auto in sosta. Oramai braccato dai Carabinieri, si rifugia in un bar ad Acireale, dove prende in ostaggio la proprietaria del locale. I Militari lo arrestano, evitando il peggio, dopo una cruenta colluttazione.

I fatti che hanno determinato il provvedimento cautelare risalgono ad alcuni giorni prima, quando il soggetto si sarebbe reso responsabile di una rapina ad un chiosco del Comune di Trecastagni, dove avrebbe minacciato con un coltello un avventore in modo da costringere i dipendenti a farsi consegnare un pacchetto di sigarette Marlboro. Lo stesso era quindi scappato a bordo di una Lancia Y10 rubata, venendo comunque intercettato dopo pochi minuti da una pattuglia della Sezione Radiomobile di Acireale, mentre stava cercando di raggiungere il centro abitato di Catania.

All’uomo sono attribuite anche due rapine. La prima ai danni di un distributore di Misterbianco, dove l’uomo dopo aver prelevato il carburante senza pagare, aveva avvicinato l’addetto e con un coltello lo aveva minacciato per farsi consegnare l’incasso della giornata. Quest’ultimo era comunque riuscito a rifugiarsi nel gabbiotto di sicurezza per chiamare i soccorsi, inducendo in tal modo il rapinatore a dileguarsi.

La seconda nei confronti di una donna intenta a parcheggiare in un centro commerciale della zona. Anche in questo caso il rapinatore,  sotto minaccia di coltello, si era fatto consegnare la borsetta, scappando poi a piedi.

Il pregiudicato è attualmente recluso presso il carcere di Gela.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui