Agata Arena assolta dal reato di truffa. “Mi sono riscattata. Ora canto per Gesù”

0
538

La cantante Agata Arena è stata assolta dalle accuse di truffa aggravata per il conseguimento del reddito di cittadinanza. Ora ha cambiato vita e frequenta la Chiesa.

“Assolta perché il fatto non sussiste”. Queste le parole scritte nella sentenza dal Giudice monocratico della Terza Sezione penale del Tribunale di Catania Elena Maria Teresa Calamita. L’imputata era la cantante Agata Arena, accusata in concorso con altre persone di truffa finalizzata a percepire il reddito di cittadinanza. Secondo l’accusa la Arena, difesa dall’avvocato Alfonso Abate, avrebbe finto di essere disoccupata per percepire il sussidio dello Stato, che secondo l’accusa serviva alla cantante per finanziare una produzione discografica. All’epoca dei fatti, luglio e agosto del 2019, la cantante di Librino aveva percepito dall’Inps due mensilità di 709 euro.

La sentenza di assoluzione risale a fine novembre del 2022 che Arena commenta dicendo: “Finalmente la legge ha fatto il suo corso e mi sono liberata da questo peso”. Anche il padre di Agata, Alessandro Arena, è felice per la sentenza emessa dal Tribunale di Catania. “Mia figlia era innocente veramente ed ha sofferto per quello che le è accaduto, tanto che ha voluto cambiare vita e immagine”.

La cantante, infatti, spiega alla nostra redazione di aver voltato pagina. “Mi sono riscattata da tutto ciò – rivela Agata Arena – Ora frequento la Chiesa. Mi sono avvicinata agli evangelisti e vado un pò in tutte le chiese, come “Missione Paradiso” e la Chiesa di Corrado Salmè. Oggi  canto per Signore per portare la voce del vangelo”.

Agata Arena insieme al padre Alessandro

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui