Nomina commissario illegittima, l’appello di Mons. Renna

0
165

L’Arcivescovo Metropolita Monsignor Luigi Renna interviene con un appello sulla questione della illegittimità della nomina a Commissario straordinario del Comune di Federico Portoghese.

“I recenti avvenimenti che hanno scosso la nostra Città, e che hanno avuto al centro il parere negativo dell’Avvocatura Regionale Siciliana riguardo alla compatibilità del Commissario straordinario del Comune di Catania, inducono la nostra Chiesa a dire una parola per auspicare che tutte le parti Istituzionali coinvolte possano trovare una via per arrivare a una soluzione condivisa del problema. – Esordisce Luigi Renna – Infatti, il clima di incertezza istituzionale, che si è creato alla diffusione della notizia, complica ulteriormente le molteplici criticità che rendono problematica la qualità della vita della nostra Città. Senza entrare in merito ad una questione nella quale il Presidente della Regione si deve pronunciare, vogliamo ribadire che la ricerca del vero bene comune deve stare a cuore a tutti coloro che hanno responsabilità politiche e istituzionali. Essa deve costituire anche un impegno preciso per tutta la società civile, chiamata a partecipare attivamente al rilancio della Città”.

“La scelta del Presidente assicuri stabilità, trasparenza, equidistanza dalle posizioni delle varie parti politiche, autorevolezza ed efficienza a cominciare dai progetti che sono stati già avviati.

Nei prossimi mesi ci attendono sfide importanti, quali le prossime elezioni amministrative, e i progetti per il PNRR. Bisogna cooperare “insieme” per alimentare la speranza e per creare le condizioni per un futuro sereno per tutti, in particolare per i molti giovani che fuggono da Catania, per le tante famiglie che non sanno come andare avanti, a causa della crisi,
determinata prima dalla pandemia e poi dalle conseguenze globali della guerra scatenata nella martoriata Ucraina. È urgente che si mettano in campo scelte politiche lungimiranti e di alto profilo, nella competenza e nella moralità, perché la nebbia che avvolge Catania si possa diradare e la Città possa rialzarsi e stare in piedi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui