Amara terra mia trema ancora, forte scossa di terremoto a Rieti

0
265
Trema ancora
Fonte Foto: ilmeteo.it

La terra trema ancora: ieri una nuova scossa di terremoto è stata avvertita a Rieti. La fine del 2018 non sembra voler lasciare in pace l’Italia, piegata dal maltempo (per i dettagli, Clicca Qui) e da scosse di terremoto ripetute, sia al Sud che al Nord (per ulteriori informazioni, Clicca Qui).

Trema ancora: forte scossa a Rieti magnitudo 3.4

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto ieri sera alle 19.50. È stata avvertita a Rieti e in tutto il Lazio settentrionale e alcuni l’hanno percepita, meno intensa, anche a Roma. Dopo una prima stima, che aveva individuato una magnitudo compresa tra 3.4 e 3.9, successivamente l’Ivg ha precisato che la magnitudo era pari a 3.4. L’epicentro è stato localizzato nel Comune di Montenero Sabino, vicino Rieti, dove la gente terrorizzata è addirittura uscita dalle proprie abitazioni per cercare riparo in strada.

È stata una botta davvero forte, come una bomba esplosa sottoterra“, questi i commenti dopo la scossa. L’Italia, e in particolare anche il Lazio, in questi giorni sta vivendo dei momenti difficili per via del maltempo, intenso ed incessante. I temporali, gli allagamenti hanno causato numerose vittime. Gli italiani, dunque, sono terrorizzati e impauriti.

Terrore anche ad Amatrice, di nuovo dopo il 2016

La scossa di ieri notte è stata avvertita anche ad Amatrice e nei territori del cratere che erano stati colpiti dal terremoto distruttivo del 2016. Sono in corso delle verifiche per segnalare eventuali danni sul territorio. Amatrice, in particolare, piano piano ha avviato il percorso di recupero dopo che il 2016 l’ha rasa interamente al suolo. Ogni scossa di terremoto, in quei luoghi, fa tremare anche gli abitanti, memori di quella distruzione degli anni passati.

Era, infatti, agosto 2016 quando circa 300 scosse di terremoto intense hanno devastato tutto il Centro-Italia. Alcuni paesi, tra cui Amatrice, sono stati rasi al suolo. Moltissime le vittime, si continuava a scavare tra le macerie senza sosta, cercando di estrarre vivi dei corpi seppelliti sotto i resti di palazzi e quant’altro. Amatrice è stata polverizzata e il sindaco di allora, Sergio Pirozzi, aveva detto in quell’occasione: “Il paese non c’è più. Sotto le macerie ci sono decine di persone“.

Trema ancora
Fonte Foto: latinaquotidiano.it

Trema ancora da Nord… a Sud

Un mese fa esatto, anche il Sud ha iniziato a tremare. In particolare, la prima scossa di magnitudo 4.6 con una profondità di 9 km ha colpito Catania e in particolare Biancavilla e Santa Maria di Licodia, epicentro del sisma (per saperne di più, Clicca Qui).

La scossa precedente non è stata la sola. Infatti, il 25 ottobre la terra trema ancora: un nuovo terremoto di magnitudo 6.8 ha interessato nuovamente Catania, ma anche gran parte del Meridione (per i dettagli, Clicca Qui).

Non è un bel periodo per l’Italia, ma noi di Free Press Online ci auguriamo che possa essere solo un momento passeggero e che il maltempo e i terremoti non devastino più il Belpaese.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui