Ragazzo torturato a Varese, il racconto shock: costretto a fumare erba?

2
1244
ragazzo torturato a varese
Fonte foto TgCom

L’alba del giorno dopo porta nuovi raccapriccianti dettagli sul caso relativo al ragazzo torturato a Varese. Un agguato in piena regola, degno di un film americano, studiato e messo in atto da una baby gang che non ha nulla da inviate alle organizzazioni criminali adulte.

Ragazzo torturato a Varese

Nel corso della giornata di ieri il mondo della cronaca italiana ha raccontato i fatti relativi la ragazzo torturato a Varese. La vittima in questione ha poco quindici anni e ieri è stato rapito da un gruppo di ragazzi, picchiato e torturato al fine di estorcergli alcune informazioni. Uno degli aggressori gli ha puntato il coltello alla gola, minacciandolo con una mazza chiodata, mentre un altro lo colpiva con un bastone in alluminio contro i piedi. (Per approfondire Clicca Qui). Alla base del rapimento c’era lo scopo di ricevere delle informazioni su un amico del ragazzo, il quale avrebbe dovuto dei soldi alla baby gang.

Il racconto shock del padre

Qualche ora fa le telecamere di TgCom hanno raggiunto il padre del ragazzo torturato a Varese. L’uomo, che non ha voluto mostrare il suo volto, proteggendo così l’identità del figlio, ha rilasciato un racconto shock. “L’hanno legato su una sedia con dei fili di corrente. Prima però l’hanno bagnato con acqua, shampoo e alcol credo… Poi hanno iniziato a bastonarlo con una spranga di ferro, continuando con calci e pugni sulla testa. Dopodiché gli puntano un coltello alla gola e lo costringono a fumare una canna. Mio figlio però non fuma né sigarette, né altro. Dopo gli hanno detto: «Se parli noi ammazziamo te e tutta la sua famiglia. Sappiamo anche dove va tuo fratello a scuola»“.

Continua dopo la foto

ragazzo sequestrato a varese

Indagati per sequestro di persona e lesioni aggravate

Subito dopo l’accaduto la procura dei minori di Milano ha deciso di aprire u fascicolo a carico della baby gang. I ragazzi, poco più che tredicenni, sono indagati per sequestro di persona e lesioni aggravate. A commentare i fatto è l’avvocato che difende la vittima, Augusto Bsilico, che come riportato sempre da TgCom ha dichiarato: “I suoi aggressori sono più piccoli, frequentano la terza media e li vedeva fuori dalla scuola quando andava a prendere il suo fratellino che frequenta lo stesso istituto. Fatica a parlare ed è ancora sotto shock“. ragazzo sequestrato a Varese

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

2 Commenti

  1. […] Solo qualche mese fa abbiamo avuto modo di raccontare la triste vicenda che vedeva come protagonista un ragazzo di soli 15 anni vittima di una baby gang. Secondo quanto reso noto, all’epoca dei fatti, un ragazzo è stato sequestrato e torturato in un garage a Varese da alcuni coetanei. Questi li avrebbero minacciato con un coltello alla gola mi ha costretto a fumare dell’erba. A raccontare quanto accaduto è stato il papà della vittima, il quale ha spiegato come il giovane sia stato legato con dei fili della corrente è bagnato con acqua, shampoo e alcool. Dulcis in fundo la minaccia con un coltello alla gola “Se parli noi ammazziamo te e tutta la tua famiglia. Sappiamo anche dove va tuo fratello a scuola“. (Per approfondire la notizia Clicca Qui). […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui