Palermo, rapina un minimarket e viene ucciso: la vittima era un palermitano di 37 anni

1
310
rapina in un minimarket di palermo

A Palermo il tentativo di rapina in un minimarket è finito il tragedia. Il ladro è stato ucciso a colpi di bastoni dal proprietario del negozio. La vittima è un palermitano di 37 anni, identificato dai poliziotti subito dopo il loro arrivo sul logo del delitto.

Rapina in un minimarket a Palermo

Nel corso della giornata di ieri abbiamo avuto modo di leggere quanto successo a Palermo durante una rapina avvenuta in un minimarket in via Moqueda. Il proprietario dell’esercizio economico, originario del Bangladesh, ha ucciso a colpi di bastone un malvivente che aveva fatto irruzione nel suo negozio. L’uomo, secondo una prima ricostruzione dei fatti, ha aggredito l’uomo uccidendolo con circa dieci colpi di bastone dopo che questo aveva ferito uno dei suoi dipendenti e un cliente che in quel momento si trovava nel minimarket. (Per approfondire la notizia Clicca Qui).

Palermitano di 37 anni ucciso

Nel corso della giornata di ieri la polizia ha tratto in arresto due cittadini bengalesi, Abdul Matin e Humayun Kabir, che hanno raccontato cos’è successo durante la rapina al minimarket. Questi hanno raccontato di esser stati sorpresi dall’irruzione fatta dal malvivente, Matto Tresa, palermitano di 37 anni. Secondo quanto reso noto i uno dei due avrebbero bloccato Matteo Tresa sul pavimento, dopo che questo li ha minacciati con una bottiglia di vetro, mentre l’altro ha poi infierito con i colpi di bastone. Il malvivente palermitano avrebbe cercato di liberarsi dalla presa assassina a calci e pugni ma i due uomini in questione si sarebbero fermati solo quando Matteo Tresa non avrebbe più dato segni di vita.
Abdul Mati e Humayun Kabir sono ancora a disposizione delle autorità, in attesa dell’udienza di convalida e di accertamento della loro posizione.

Vuoi rimanere sempre aggiornato? 
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui