Morte Stefano Cucchi, minacce al carabiniere Tedesco post confessione?

3
324
morte stefano cucchi

Giorni dopo la nuova udienza per il processo relativo alla morte Stefano Cucchi si torna a parlare del carabiniere Tedesco. Il militare sarebbe stato minacciato dopo la confessione?

Morte Stefano Cucchi

La morte Stefano Cucchi da molti sarebbe considerato il processo all’arma dei Carabinieri. I militari coinvolti sono indagati per omicidio preterintenzionale, mentre le accuse a capo dei medici sarebbero ormai passate in prescrizione. A spiegare la cosa è stata la sorella di Stefano, Ilaria Cucchi, in occasione di diverse interviste. La svolta nel caso, ricordiamo che il ragazzo è morto a causa di percosse nel 2009, è arrivata con la confessione del carabiniere Francesco Tedesco. Il militare ha confermato il pestaggio avvenuto in carcere, oggi però arriva la notizia relative a delle minacce.

“Ho accettato volentieri”

Su democrazia.com si può leggere una delle nuove dichiarazioni di Ilaria Cucchi: “Ho accettato volentieri l’invito del ministro della Difesa e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Io e il legale della nostra famiglia, Fabio Anselmi, che sarà presente, ne siamo onorati. Hanno espresso la volontà di riceverci e noi ascolteremo cosa hanno da dirci“. La notizia arriva quasi in contemporanea alla rilevazione delle minacce fatte al carabiniere Tedesco. Secondo quanto reso noto dal Ilmessaggero.it, il militare avrebbe ricevuto una telefonata anonima. Dall’altro capo del telefono una voce metallica, con accento siciliano, che annunciava giustizia per lui. La domanda da porsi è: giustizia per cosa?

L’avvocato della famiglia Cucchi, Corrado Oliviero, mostra delle foto durante il dibattimento del processo d’appello per la morte di Stefano Cucchi, a Roma 31 ottobre 2014. ANSA/ANGELO CARCONI

Carabiniere Tedesco accusato di calunnia?

L’avvocato di Roberto Mandolini, Giosuè Bruno Naso, ha reso pubblica una nota dove annuncia una nuova denuncia per il carabiniere Tedesco. Il militare che ha confessato il pestaggio che avrebbe causato la morte Stefano Cucchi. Nella lettera, pubblicata sempre da Ilmessaggero.it, è possibile leggere: “Inconfessabili accordi con il pm la promessa derubricazione della imputazione elevata nei confronti del cliente in quella di favoreggiamento, reato allo stato già prescritto, anche a costo di aggravare la posizione di tutti gli altri imputati“.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui