Omicidio Desirée aggiornamenti, vittima di uno stupro di branco?

3
399
Omicidio Desirée aggiornamenti
Fonte foto mag24.es

Una morte avvolta dal mistero. Omicidio Desirée aggiornamenti. La sedicenne è vittima di uno stupro di branco? Continuano senza sosta le indagini degli inquirenti, che nel corso delle ultime ore hanno effettuato sei interrogatori.

Chi ha ucciso Desirée? Omicidio Desirée aggiornamenti

Da ieri l’opinione pubblica è stata scossa dalla morte improvvisa della sedicenne di Cisterna di Latina, Desirée Mariottini (Clicca qui). In pochissime ore gli inquirenti hanno dovuto valutare diverse piste investigative, ma la domanda resta sempre la stessa: chi ha ucciso Desirée? Sono state diverse le ipotesi vagliate in queste ore. Tutto è iniziato con un tablet rubato, che secondo un testimone Desirée stava cercando di recuperare nello stabile del quartiere di San Lorenzo a Roma. Successivamente un ragazzo senegalese ha reso una confessione shock, parlando di violenza sessuale e del corpo di una ragazza coperto fino alla testa. (Per approfondire Clicca qui).

Desirée vittima di uno stupro di branco?

Durante il programma Rai Storie Italiane, condotta da Eleonora Daniele, dove un ragazzo senegalese ha così descritto quelle che dovrebbero essere dettagli importanti relativi alla morte di Desirée. “Ho guardato quella che urlava e c’era l’altra nel letto: le avevano messo una coperta fino alla testa- dichiara il ragazzo-. Non lo so se respirava ma sembrava già morta“. Quanto detto ha fatto sì che si arrivasse a una nuova verità. Desirée vittima di uno stupro di branco? Nel corso di queste ore sei persone sono state condotte in questura per degli interrogatori. Le indagini si sono così concentrate su omicidio volontario e sequestro di persona, anche se resta valida la possibilità che la ragazza sia deceduta per overdose.

Desirée trovata morta a Roma
Fonte Foto: lastampa.it

Salvini fischiato Roma

Subito dopo le dichiarazioni shock del ragazzo senegalese, il Ministro degli Interni Matteo Salvini. L’accoglienza per il ministro non è stata delle migliori, tanto che Salvini fischiato a Roma da alcuni manifestanti che gli hanno detto di non strumentalizzare la storia. Il ministro però ha prontamente risposto: “Tornerò qui a incontrare i residenti, ma da ministro mi impegno a fare pulizia e a tornare con la ruspa. Ci sono cento palazzine a Roma in queste condizioni con delinquenti che difendono le occupazioni abusive e lo spaccio“.

Il ministro Salvini, dopo i fischi, è tornato intorno alle 18 sul luogo dell’accaduto per lasciare una rosa bianca, colore simbolo della purezza, in onore della giovane vittima Desirée. Subito dopo intercettato dalle telecamere di Sky Tg 24, sul luogo, ha ribadito la sua voglia di avere chiarezza sulla vicenda dichiarando ulterilmente: “In questo quartiere ci sono alcuni residenti che preferiscono i pusher ai poliziotti“.

3 Commenti

  1. […] Sono finalmente arrivati gli esami tossicologici fatte sul corpo della sedicenne uccisa a Roma. (Per approfondire Clicca Qui). La ragazza è stata trovata morta in uno stabile nel quartiere San Lorenzo di Roma circa quindici giorni fa. Lo scenario fin da subito si è presentato raccapricciante. Desirée è stata stordita con un mix di droghe, violentata per ore e lasciata morire. Gli inquirenti, che non hanno ancora concluso la caccia agli aguzzini della sedicenne, si chiedono se la ragazza potesse essere salvata piuttosto che lasciata morire, da sola, con i vestiti strappati ancora addosso. (Clicca Qui). […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui